PECCATO. MARE SPRECATO!

Castellamare di Stabia. Il nome nasce da un errore di denominazione della parola “Castello a mare” nell’antica città romana di Stabia. È un piccolo paesino in provincia di Napoli, quasi alle porte delle prime province di Salerno. La città offre a viaggiatori e turisti un rilassante lungomare, sito in Corso Giuseppe Garibaldi, a metà tra il mare e la città, che fa da tramezzo tra negozi e piazze, spiaggia e mare Ahimè peccato per le condizioni di questi ultimi. Il litorale gode tristemente del primato di bandiera nera e divieto di balneazione ormai dal 2001. Il problema infatti non solo è l’acqua inquinata, ma anche la spiaggia sporca, colma di rifiuti urbani e incolta a tal punto da far crescere erbacce di tutti i tipi, tra le quali potrebbero annidarsi sgradevoli animali. Rispetto al panorama verso il Vesuvio, vulcano partenopeo, è amaro notare l’abbandono nel quale è gettata la spiaggia, quasi come se da 17 anni fosse considerata un luogo sterile, mai pronto a una rinascita. Diversa è invece l’impressione che si ha del lungomare, che si presenta molto più curato, ricco di posti a sedere, fontane pubbliche e altri confort per chi voglia fare una passeggiata a piedi o n bicicletta o magari del footing. Anche le strade della cittadina sono interessanti ricche di gelaterie e punti ristoro di ogni genere, pronti ad offrire le specialità più esclusive. Davvero difficile dare una valutazione questa volta. Voto 4.

castellammare

Annunci

3 pensieri riguardo “PECCATO. MARE SPRECATO!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...